Hotel letti
Hotel_letti_002
Hotel letti
Hotel_letti_004
Hotel_letti_005

HOTEL

2008

stampe A4 b/n, proiezione doppia di diapositive

Hotel è un’opera composta da una base formata dall’immagine frammentata dell’artista che dorme. Su questa composizione sono proiettate contemporaneamente due serie di diapositive 35 mm rappresentanti stanze d’albergo. L’artista ha potuto fotografare le varie stanze nel momento successivo al check-out dell’ospite: ciascuna camera era diversa dalle altre e, anche se prive di effetti personali, la sensazione di invadere la privacy di chi le aveva appena lasciate era forte perchè era presente un’eco che lentamente stava svanendo (in quasi tutte le stanze era possibile sentire ancora il profumo/odore di chi per ultimo vi aveva alloggiato). Ma tutte quelle stanze non appartengono a nessuno, anche se per poco sono diventate lo spazio quotidiano e intimo di qualcuno. Osservando questi spazi si è invasi da un forte senso di non appartenenza al luogo, che lascia il posto successivamente alla volontà di possedere quel luogo. Sono contraddizioni sovrapposte tradotte da un alternarsi di immagini scandite da un ritmo visivo e sonoro, quello della proiezione delle diapositive.


Hotel is an installation made from an artist’s fragmented image of the artist that sleeps. At the same time, on this composition are projected two series of 35mm hotel rooms slides. The artist had the chance to take pictures of the hotel rooms just after the guests had checked out: each room was different from each other and, even if they were missing some personal belongings, the feeling of intruding the privacy who just left was strong because it was still present vibe that was slowly fading (in almost every room was still present the scent/smell of the last occupant). Even if these rooms didn’t belong to anyone for long they became an intimate space for someone. Observing these empty rooms the first feeling that you get is that you shouldn’t be there but then you want these rooms to be yours. They are overlapping contradictions converted by a succession of images chanted from a visual rhythm and sound, to the slide show.